News


Il Razza 77, riso pregiato nato negli anni ’30 e oggi riportato alla luce grazie al contributo di D.Bernascone, S. Nai Oleari e F.Rizzotti, arriva fino a Roma alla camera dei deputati per l'annuale cena di Natale.


Su iniziativa dell'on. Giovanni Falcone (membro della Commissione Agricoltura), dell' ATL (agenzia turistica locale) e della camera di commercio, il razza77 è stato sapientemente preparato dallo chef Giampiero Cravero e accompagnato dai prodotti tipici del novarese, in primis il Gorgonzola.
Il Razza 77 è stato sostituito negli anni da varietà più innovative ed elaborate; oggi si è deciso di riscoprirlo per le sue qualità nutrizionali e per i benefici che l’organismo ne trae sopratutto quando consumato integrale.

La denominazione è rimasta Razza77, ma di quella varietà storica si sarebbero perse le tracce se qualche irriducibile agricoltore innamorato e fedele non avesse rifiutato di arrendersi all’evidenza: quel riso ottimo per il classico risotto all’italiana è poco robusto alle intemperie e quindi difficile da coltivare; lo stelo si piega al vento e alla pioggia, insomma può creare problemi durante la raccolta. Non vale la pena per produzioni intensive, d’altro canto i risicoltori possono orientarsi con facilità su un’offerta più ampia e variegata, meno problematica. Ma la caparbietà della gente di Razza sta avendo la meglio e a breve vedremo il Razza77 come fiore all’occhiello della bassa novarese. In bocca al lupo Razza

Fonti: Stampa Novara / agromagazine.it
Scritto il 04/01/2017

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze.